di Erica Bet

TREVISO (30 maggio) – Improvviso il rumore metallico del botto e quello dello scooter che si stava accartocciando sull’asfalto. Non ha avuto testimoni la morte di Giampaolo Fantin, 55 anni, di Pianzano di Godega (Treviso), avvenuta ieri alle 19.45, mentre stava rincasando.

Fantin, ex carabiniere ed ex impiegato Aprilia, stava percorrendo via Sant’Urbano. Si trovava a cento metri da casa quando – per cause all’esame dei carabinieri di Conegliano – ha perso il controllo dello scooter Honda Sight 250 sul quale stava procedendo. È andato a sbattere con violenza, nonostante procedesse a velocità moderata, contro le protezioni della pista ciclabile, che lo hanno fatto rimbalzare sull’asfalto, dove è rimasto esanime. Secondo il medico legale avrebbe riportato ferite gravissime che lo hanno ucciso praticamente all’istante.

Un incidente senza testimoni. Nessuno ha visto perché lo scooter di Giampaolo Fantin è diventato una trappola assassina. Alcuni ragazzi che passeggiavano sulla pista ciclabile, udito il rumore dello schianto, sono accorsi e hanno lanciato l’allarme, chiedendo aiuto al 118. Tempestivi i soccorsi, ma vani. Al personale del Suem e ai carabinieri non è rimasto che coprire pietosamente con un lenzuolo il corpo dell’ennesima vittima di un incidente stradale. Poi un silenzio di gelo, di morte. Straziante la visita ai familiari che stavano attendendo l’arrivo di Giampaolo, probabilmente per la cena. Il destino gli aveva però teso un agguato assassino. Solo alle 21 i carabinieri e la polizia locale di Godega, completate le indagini, hanno riaperto al traffico, prima deviato su una laterale, in via Sant’Urbano.

A Godega e Pianzano Giampaolo Fantin era conosciuto per il carabiniere, perché in gioventù aveva indossato la divisa. Tutti gli volevano bene. Per anni era stato impiegato dell’Aprilia. Una professione che gli aveva riservato soddisfazioni. Si era poi innamorato di Irenea, che aveva sposato e gli aveva dato due figli, ora ventenni. Ieri sera in attimo tutto si è però spezzato dopo quell’inspiegabile schianto con lo scooter.

© RIPRODUZIONE RISERVATA