di Marco Biolcati

VENEZIA (6 ottobre) – Bambini e genitori assaliti dalle vespe terraiole. Momenti di paura ieri mattina alla scuola materna Padoan di Sottomarina dove, oltre ai bambini tenuti a mano dai genitori, all’inizio delle lezioni si sono presentante anche le vespe. All’ingresso della scuola, nonostante nessuno le avesse stuzzicate, hanno cominciato ad assalire e a pungere chiunque. I genitori hanno subito portato i bambini all’interno e sono state chiuse porte e finestre per impedire agli insetti di entrare. Nonostante tutte le precauzioni adottate, però, le vespe sono riuscite comunque ad affondare il proprio pungiglione colpendo in tutto 12 persone tra genitori e bambini che hanno dovuto fare ricorso alle cure del pronto soccorso.

Fortunatamente nessuno è risultato allergico e non ci sono stati casi di shock anafilattico. Qualche bambino, punto alla testa, per precauzione è stato visitato nel reparto di Pediatria dell’ospedale. Il personale della scuola per l’infanzia ha chiesto subito l’intervento dei vigili del fuoco, mentre qualche genitore ha preferito riportare a casa i propri figli. La mattinata di scuola si è comunque regolarmente tenuta con porte e finestre rigorosamente chiuse.

I pompieri hanno effettuato subito un sopralluogo sul giardino identificando, il nido delle vespe. Si trovava sottoterra, in una parte del giardino recintata. Sul terreno era ben visibile una fessura dalla quale uscivano le vespe. I vigili hanno introdotto una sostanza velenosa, ma molte si trovavano ormai fuori dal nido. È stato necessario un secondo intervento nel pomeriggio per risolvere definitivamente la questione.

Inspiegabile il motivo che ha portato le vespe ad attaccare. Non erano infatti state provocate in alcun modo. Il loro nido si trovava nascosto in una zona che nessuno aveva calpestato. Probabilmente l’attacco è del tutto casuale. Con l’eliminazione del nido la situazione è comunque tornata alla normalità già nelle prime ore del pomeriggio di ieri e oggi i bambini potranno andare a scuola senza la paura di essere attaccati dagli insetti.

Le vespe “terraiole” sono considerate tra le più pericolose in natura. Quando ci si accorge della presenza di un loro nido è opportuno chiamare i vigili del fuoco ed evitare di avvicinarsi. Una o più punture di vespe infatti può causare uno shock anafilattico che può portare alla morte. Nel Veneto quest’estate si è registrato un attacco mortale vicino a Belluno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA