Piano di studio della settimana

1. Apocalisse 4:1-8: Egli esiste

2. Apocalisse 4:9-11: Egli ha creato ogni cosa

3. Apocalisse 5:1-12: È stato ucciso

4. Apocalisse 11:15-19: Egli giudica e fa guerra

5. Apocalisse 19:1-8: Il giorno delle nozze è giunto Apocalisse 4:1-8

In che modo le quattro creature viventi che circondano il trono lodano Dio del continuo? Apocalisse 4:8

Queste creature sono cherubini che sorvegliano il trono (cfr. Ezechiele 1:5; 10:1). La tripla ripetizione della parola santo suggerisce l’idea della Trinità di cui Giovanni inizia a parlare in Apocalisse 1:4,5. Colui “che è, che fu e che sarà” è Dio.

La seconda persona è lo Spirito Santo, mentre la terza è Gesù Cristo.

Santità significa maestà, luminosità, purezza e divinità.

La sua santità separa Dio dal peccato, ma lo avvicina al peccatore pentito. Questa verità è stata manifestata in Gesù, che è santo nonostante sia vissuto tra i peccatori.

Il benessere dell’universo intero dipende dal carattere di Dio. Lode al nostro Dio così buono! Come Satana afferma, la nostra esistenza sarebbe miserabile se Dio fosse un

tiranno egoista e se la sua legge fosse ingiusta e disonesta.

Quasi tutti i primi autori cristiani sostengono che Giovanni ha scritto l’Apocalisse durante il regno dell’imperatore romano Domiziano. In questo periodo il culto dell’imperatore divenne un problema scottante per i cristiani. Molti di loro dovettero affrontare persecuzioni perché si rifiutavano di adorare un dio falso. Questo tipo di problema era molto sentito nella provincia asiatica, da dove Giovanni iniziò a mandare le lettere alle sette chiese (cfr. Apocalisse 2,3). La seconda generazione di cristiani deve aver gioito molto nell’esser rassicurata che il Dio che stava adorando era il

Signore Dio onnipotente (cfr. 7BC, pp. 720-723).

Le quattro creature cantano lodi a Dio giorno e notte, senza sosta. Questo cosa c’insegna circa il comportamento di riverenza e d’adorazione che dovremmo avere verso Dio? Qual è il beneficio spirituale immediato di cui possiamo godere quando adottiamo un atteggiamento di lode?